Aci e Galatea

Secondo la mitologia Acireale prende il nome dal pastorello Aci, figlio del dio Pan, protettore dei monti e dei boschi.

La leggenda narra del grande amore che univa Aci a Galatea, bellissima ninfa del mare dalla pelle color del latte molto cara agli dei.

Ma  l’amore tra i due giovani  accese la gelosia del mostruoso gigante Polifemo con un occhio solo in fronte, il quale dopo il rifiuto di Galatea scagliò sul corpo di Aci un gigantesco masso che lo schiacciò.

“Appena la notizia giunse a Galatea questa accorse dove era il corpo di Aci.

Alla vista del suo amore gli si gettò addosso piangendo tutte le lacrime che aveva in corpo.

Il pianto senza fine di Galatea destò la compassione degli dei che vollero attenuare il suo tormento trasformando Aci in un bellissimo fiume che scende dall’Etna e sfocia nel tratto di spiaggia dove solevano incontrarsi i due amanti”.

Dal sangue del pastore nacque dunque un fiume chiamato Akis dai greci, oggi  in buona parte sottoterraneo,  ma che riaffiora come sorgente nei pressi di Santa Maria la Scala (Borgo marinaro, frazione di Acireale) sfociando in una sorgente chiamata “u sangu di Jaci” ( il sangue di Aci).

 

 

 

A Jaci (Aci)  

 

N’cima a la timpa Jaci

tu stai accuffulata

e fai a tutti geniu

di tutti si stimata

Lu nomu ti pigghiasti

di Jaci ca facea

l’amuri a fini tragicu

cu a bedda Galatea

Si cunta ca u pasturi

assai vuleva beni

a Galatea, e pi idda

assai ni visti peni

Pi farla addivittiri

cu’ lu so friscalettu

Jaci spissu sunava

na speci di minuettu

E idda cheta cheta

ascutava sti sunati

e n’da l’occhi si vardavunu

di veri ‘nnamurati

N’giornu si n’accurggiu

di chistu n’omu scemu

ca tannu lu chiamavunu

lu ranni pulifemu

Era bruttuni chistu

scinneva di li munti

era autu e grossu

cu n’occhiu ammenzu a frunti

Pi a bedda Galatea

ci aveva na mania

vidennula cu Jaci

sinteva gilusia

Tantu ca n’giornu n’fami

di colpu s’incazzau

e u pastureddu jaci

cu n’massu scafazzau

Vidennu sta tragedia

dispiaciuti i numi

lu corpu mortu di Jaci

lu trasfurmaru n’ciumi

E di tannu finu a ora

pi massimu principiu

lu sciumi scurri ancora

sutta lu municipiu.

O Jaci bedda

si tutta na sciurera

du ntrizzu a stazioni

da rutta a la pirrera

O jaci si bedda Jaci

o Jaci si bedda assai

cu n’autra cittadi

nun ti canciassi mai

 

anonimo